Letture

Zona Pastorale | Diocesi di Rimini

Letture

IL SIGNOR PARROCO HA DATO DI MATTO

In una parrocchia come tante, in cui le cose non funzionano più bene perché la gente è poca e gli operatori pastorali litigano per sciocchezze, don Beniamino si accorge che ai fedeli, della fede, non importa poi davvero molto. Da qui la sua crisi: per che cosa ha fatto il prete?

Per questa gente che litiga sulla posizione dei vasi di fiori davanti all’altare della Madonna e non si accorge del mondo che le sta attorno e tanto meno del vangelo? Il sacerdote decide quindi che ne ha piene le scatole e, semplicemente, se ne va.

Ma non lontano, proprio lì fuori, in campagna, dove c’è un cascinale abbandonato. Vi si rinchiude dentro, vi si mura e… vada come vada. Senza il parroco, però, la gente comincia ad agitarsi: dove è finito? È scappato? È impazzito? È morto? In un incalzare di equivoci e situazioni umoristiche, i parrocchiani si impegnano nella ricerca di don Beniamino e – parallelamente – del senso della vita cristiana.

 


LE CAMPANE DI SAN MARTINO

A San Martino le campane della chiesa non suonano più da quando il vescovo ha trasferito don Angelo. Lentamente, tra mille incertezze, alcune donne prendono l’iniziativa per tenere viva la loro tradizione religiosa e la loro comunità, fino all’arrivo di Angelo e Irene.

«Ma lo sapete che voi state facendo una cosa bellissima? Diglielo te» e si rivolse ad Angelo «che idea ci siamo fatti». «Ci sembra», aprì finalmente la bocca Angelo, «che siate come i primi cristiani, quelli di duemila anni fa».

Un piacevolissimo racconto per riflettere su un tema scottante, il calo delle vocazioni, e sulla partecipazione dei laici «all’opera salvifica della Chiesa».
Una narrazione schietta e genuina da cui traspare l’amore di un parroco per la sua gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *